Nel XX secolo era considerato un materiale straordinario per l’edilizia e l’industria: parliamo di amianto. Ben presto, però, sono emersi i rischi per la salute e sono sorti dei dubbi. C’è voluto un po’ di tempo perché l’industria e la politica prendessero provvedimenti, ma ormai l’amianto è un ricordo in Europa.

Se si scopre la presenza di amianto nella propria abitazione, è assolutamente necessario rimuoverlo. L’amianto presenta numerosi rischi per la salute e anche in piccole quantità può portare a patologie croniche e dolori. Sebbene i rischi dell’amianto siano ormai noti, c’è ancora molta inconsapevolezza e disinformazione tra i proprietari di casa. Questo articolo punta a cambiare le cose, fornendoti tutte le informazioni necessarie sull’amianto e sul suo smaltimento.

Asbestos roof

Foto – Harald Weber, CC BY-SA 3.0, Wikimedia Commons

Che cos’è l’amianto?

La parola amianto è un termine generico e descrive diversi minerali silicati cristallizzati e fibrosi presenti in natura. L’amianto era noto e documentato già nell’antichità. Tuttavia, è stato ampiamente utilizzato solo durante l’industrializzazione in Europa e in Nord America. Grazie alle sue proprietà tecniche, divenne molto popolare nell’industria e nell’edilizia. Le fibre di amianto sono state impiegate soprattutto durante la Seconda Guerra Mondiale e nel dopoguerra.

L’amianto è costituito da fibre lunghe circa 0,04-0,4 µm in forma naturale, a seconda del tipo di amianto. Dopo la lavorazione industriale, le fibre di amianto raggiungono una lunghezza di circa 10-20 mm. La materia prima veniva estratta nelle miniere di amianto dell’ex Unione Sovietica, degli Stati Uniti e delle colonie britanniche in Africa e Asia, per citarne alcune.

Perché l’amianto è così pericoloso?

Già all’inizio del XX secolo si sospettava che l’amianto fosse potenzialmente pericoloso per la salute. Sono stati riscontrati modelli di malattie croniche e cause di morte inspiegabili in persone regolarmente esposte all’amianto. Tuttavia, i gestori delle miniere di amianto, le fabbriche di lavorazione e i suoi commercianti cercavano di fugare ogni dubbio sul nascere e di vendere l’amianto come una fibra miracolosa.

Oggi è chiaro che l’amianto può scatenare o favorire tutta una serie di problemi di salute. Le ricerche non sono state ancora del tutto esaustive, ma ormai è dimostrato che sia cancerogeno e possa scatenare, tra l’altro, cancro ai polmoni, tumori e varie malattie respiratorie. Inoltre, l’amianto stesso non può essere scomposto dall’organismo e può accumularsi nei tessuti per anni. Pertanto, può ancora causare problemi di salute decenni dopo l’ultimo contatto con le fibre. I fumatori, i bambini e le persone con patologie preesistenti sono particolarmente a rischio.

Com’è fatto l’amianto?

Poiché è stato utilizzato in forme e colori diversi, non è sempre possibile individuarlo a occhio nudo. L’amianto si trova, tra l’altro, sotto forma di fibrocemento, pannelli per tetti o materiale isolante ed è spesso mescolato con altri materiali. Oggi, tuttavia, esistono diverse applicazioni tecniche che possono essere utilizzate per rilevarlo nell’aria, nei prodotti o negli edifici.

In natura, l’amianto si presenta liberamente sotto forma di vari minerali silicati. Il suo colore varia dal rossastro al grigiastro, al verdastro o al bluastro e, a un occhio inesperto, sembra una normale roccia. Nella sua forma lavorata, dopo la produzione industriale, l’amianto puro è di colore grigio-verdastro e ha una struttura fibrosa, simile alla lana pressata o al feltro.

Perché veniva usato l’amianto?

L’amianto ha numerose proprietà positive, motivo per cui in passato è stato spesso definito una fibra miracolosa. Nell’industria, è stato utilizzato per la produzione di sacchi, filtri, materiali ignifughi, forniture belliche, dentifrici, pneumatici, polvere talco per bambini, telefoni, radio e così via.

L’amianto è elastico, resistente alla trazione e dal punto di vista chimico è adatto a essere incorporato nei leganti. Inoltre, l’amianto può resistere al calore fino a 1000 gradi Celsius ed è quindi estremamente resistente al fuoco. Inoltre, è disponibile in abbondanza in tutto il mondo, facile da lavorare e quindi molto economico rispetto ad altri materiali da costruzione. Il suo potenziale è stato quindi considerato particolarmente rilevante per il settore delle costruzioni e quindi utilizzato ad esempio per l’isolamento termico, le tubature, la protezione antincendio, il fibrocemento, i pannelli ondulati per tetti e altro ancora.

Sfide e previsioni per il settore delle costruzioni nel 2023

Quali sono le principali sfide e cosa possiamo fare per affrontarle?

Qual è la situazione giuridica dell’amianto oggi?

È indiscutibile che l’amianto sia pericoloso. Per questo motivo, è vietato nella maggior parte degli stati europei. Fanno eccezione alcuni Paesi dell’Europa orientale e sudorientale che non fanno parte dell’Unione Europea, come Albania, Macedonia settentrionale, Ucraina, Moldavia, Bielorussia e Russia.

Di seguito forniamo una panoramica dello status giuridico dell’amianto nell’Unione Europea, nel Regno Unito, in Svizzera e nel resto del mondo.

Nell’UE

Per proteggere i lavoratori e i residenti, dal 2005 l’amianto non può più essere utilizzato nel settore edile nei Paesi dell’Unione Europea. Il valore limite per l’esposizione all’amianto sul luogo di lavoro è di 0,1 fibre per centimetro cubo nell’UE e nei prossimi anni sarà decuplicato a 0,01 fibre per centimetro cubo. In alcuni stati membri dell’UE, come la Germania, il limite è già di 0,01 fibre per centimetro cubo ed è stato vietato in Germania già nel 1993. Anche in altri Paesi europei, come Francia, Austria o Italia, è stato bandito già negli anni ’90. Tuttavia, l’UE è ancora lontana dall’esserne completamente priva e molti edifici più vecchi presentano ancora amianto nella struttura e nelle facciate. L’Unione Europea si è quindi posta l’obiettivo di rendere la ristrutturazione degli edifici contaminati dall’amianto una priorità assoluta.

Nel Regno Unito

L’uso dell’amianto in edilizia nel Regno Unito è stato vietato in tutto il Paese dal 1999. Con alcune eccezioni, in cui si applicano autorizzazioni speciali e condizioni rigorose, non può più essere utilizzato nei settori della produzione e della lavorazione.

Tuttavia, molti edifici del Regno Unito costruiti prima del nuovo millennio contengono ancora amianto. Secondo le stime dell’Health and Safety Executive britannico, ogni anno muoiono ancora circa 5000 persone a causa dell’amianto. Tuttavia, poiché i pericoli derivanti dalla sua lavorazione sono di gran lunga maggiori rispetto a quelli derivanti dall’abitare in una casa in cui è stato installato, il governo del Regno Unito non insiste molto sulla necessità di ristrutturare gli edifici interessati, come invece avviene nell’Unione Europea.

In Svizzera

In Svizzera, l’amianto è stato completamente bandito nel 1989. Tuttavia, in questo Paese gli edifici costruiti prima della fine del periodo di transizione, nel 1990, possono ancora presentare una contaminazione da amianto. L’Ufficio federale della sanità pubblica consiglia pertanto ai proprietari di case in Svizzera di prestare la massima cautela nella ristrutturazione degli edifici costruiti prima del 1991. Nessuno sa esattamente quanto amianto sia ancora presente in Svizzera. Tuttavia, l’assicuratore statale contro gli infortuni SUVA stima che circa l’80% degli edifici costruiti prima del 1991 contenga amianto. Tra il 2002 e il 2012, in Svizzera, grandi edifici pubblici come stazioni ferroviarie o centri commerciali sono stati bonificati con un intervento massiccio. SUVA parla di oltre 8500 interventi di risanamento che sarebbero stati effettuati in questo decennio.

Altri Paesi

Contrariamente a quanto si crede, l’amianto non è vietato in tutto il mondo. Il materiale viene ancora estratto e utilizzato per la costruzione di edifici e prodotti industriali. Ad eccezione degli Stati Uniti d’America e del Canada, tutti i Paesi occidentali industrializzati hanno messo al bando l’amianto. È ora vietato anche in alcuni Paesi dell’Asia orientale, del Sud-Est asiatico, del Medio Oriente e del Sud America, come ad esempio Giappone, Cina, Thailandia, Arabia Saudita, Algeria e Argentina. In molti Paesi emergenti e in via di sviluppo, tuttavia, l’amianto è ancora legale o almeno tollerato nell’industria delle costruzioni. Soprattutto in India e in molti stati africani, continua a essere utilizzato regolarmente perché è particolarmente economico e ha proprietà vantaggiose. Alcuni Paesi, come India e Canada, hanno limitato o vietato l’estrazione dell’amianto, ma ne consentono l’uso in una certa misura nell’edilizia e nell’industria del proprio Paese. Altri Paesi non lo ammettono nell’edilizia, ma continuano a estrarlo e a esportarlo.

Cosa c’è da sapere sull’amianto in casa?

Se si scopre che nella propria abitazione c’è dell’amianto, la cosa inizialmente può risultare allarmante. Tuttavia, numerosi studi hanno dimostrato che l’amianto installato è molto meno pericoloso di quando viene lavorato. Tuttavia, poiché non è possibile escludere completamente i rischi per la salute, è comunque consigliabile rimuoverlo dalla propria abitazione il prima possibile. Nella sezione seguente sono riportate tutte le informazioni necessarie per eliminare l’amianto dalla propria abitazione.

Workers working on a roof

Come rimuovere l’amianto da edifici e abitazioni?

Se si sa o si sospetta che nella propria abitazione ci sia dell’amianto, non è il caso di eseguire personalmente lavori di smaltimento. Per sicurezza, se la casa è stata costruita prima che l’amianto fosse vietato nel Paese, si deve presumere che sia stato utilizzato. È necessario prestare molta attenzione quando si ristrutturano case con amianto. I lavori possono infatti liberare le sue fibre fibre in alte concentrazioni che possono causare malattie croniche e potenzialmente mortali per anni o addirittura decenni dopo la contaminazione.

Pertanto, non bisogna mai eseguire personalmente alcun lavoro in una casa nella quale sia presente. È assolutamente necessario che la rimozione dell’amianto sia effettuata da professionisti, a prescindere da quanto si sente dire nella comunità locale. Prima di iniziare i lavori, occorre informare le imprese edili della possibile presenza di amianto e accertarsi che l’impresa in questione sia in grado di rimuoverlo.

Quali aziende possono intervenire per voi?

Si consiglia di rivolgersi a un professionista per verificare la presenza di amianto in casa e di affidare la rimozione a specialisti. Nella maggior parte dei Paesi esistono imprese edili specializzate nello smaltimento dell’amianto dalle abitazioni e con anni di esperienza in questo campo.

Per lavori difficili come questo, non è consigliabile risparmiare e scegliere l’appaltatore più economico. È in gioco la propria salute e quella dei lavoratori, ed è consigliabile rivolgersi a ditte professionali esperte in questo campo. Un’eccessiva riduzione dei costi per la rimozione dell’amianto può rivelarsi dannosa in termini di opere edilizie da rifare o di problemi di salute.

Con quale materiale sostituire l’amianto?

I materiali con cui sostituire l’amianto presente dipendono dalla forma in cui l’amianto è stato posato. Ad esempio, le alternative per le tubature contenenti amianto sono fondamentalmente diverse da quelle per il fibrocemento. In Europa, l’amianto è stato spesso utilizzato in edilizia per l’isolamento. In questo caso, può essere sostituito da altri materiali isolanti come il vetro, la ceramica, la lana di roccia o la wollastonite. Se invece è stato utilizzato per la costruzione dei tetti, si consiglia di utilizzare ardesia, zinco titanio o tegole. Nella maggior parte dei casi, comunque, l’impresa edile che esegue lo smaltimento può suggerire alternative adeguate.

Come viene smaltito l’amianto?

In molti Paesi è considerato un rifiuto pericoloso, che non può essere smaltito come un normale rifiuto. Secondo il Catalogo europeo dei rifiuti, anche l’amianto è considerato un rifiuto pericoloso e deve essere classificato di conseguenza.

Lo smaltimento stesso può avvenire attraverso varie procedure. Tuttavia, nessuno di questi metodi è ottimale e non è ancora stata trovata una soluzione per eliminare o riciclare completamente l’amianto. Una delle ragioni è che si tratta di un materiale chimicamente molto stabile e quindi altamente resistente a calore e acidi. Questo aspetto è stato considerato vantaggioso durante l’installazione, ma in fase di smaltimento la stabilità chimica dell’amianto è una delle maggiori preoccupazioni.

I metodi utilizzati in Europa per smaltire l’amianto comprendono la frantumazione meccanica, la vetrificazione termica, la ricottura, la dissoluzione chimica o l’incorporazione nel cemento o in altri leganti. In nessuno di questi metodi l’amianto viene poi completamente dissolto, motivo per cui i resti devono continuare a essere stoccati come rifiuti pericolosi per la maggior parte dei metodi.

Quanto costa la rimozione dell’amianto?

A seconda del tipo di amianto installato e del Paese in cui si trova la propria abitazione, il costo della rimozione varia, anche in Europa. In media, comunque, il costo per la smaltimento dell’amianto installato come isolante è di circa 35-40 euro al metro quadro. Con l’aumentare delle dimensioni, i costi al metro quadro diminuiscono in media. Tuttavia, è necessario tenere presente che il prezzo al metro quadro non è l’unico costo. Oltre al costo di rimozione al metro quadro, si aggiungono i costi di trasporto, il noleggio dei ponteggi, lo smaltimento e gli eventuali lavori da effettuare per arrivare all’amianto.

Di seguito è riportata una tabella che indica il costo dello smaltimento dell’amianto in Europa per metro quadro a seconda delle dimensioni.

Metri quadrati Prezzo al metro quadrato Prezzo totale
1 Da 35 a 40 euro Da 35 a 40 euro
100 Da 32 a 37 euro Da 2.500 a 3.500 euro
1.000 Da 28 a 34 euro Da 28.000 a 34.000 euro

Amianto in casa: sintesi

Per molto tempo l’amianto è stato considerato una fibra miracolosa. I dubbi emersi sugli effetti pericolosi di questo materiale sulla salute sono stati ignorati per quasi un secolo. Oggi, fortunatamente, l’amianto è vietato nella maggior parte dei Paesi europei. Tuttavia, in molti Paesi del Sud del mondo e del Nord America, non è ancora stato bandito e in alcuni Paesi viene ancora estratto.

Anche in Europa l’amianto è presente in molti vecchi edifici. Le conseguenze sulla salute dei residenti sembrano essere limitate, ma non si possono escludere rischi. L’UE si è quindi posta l’obiettivo di garantire una decontaminazione più rapida ed efficiente delle case contaminate. Pertanto, è opportuno valutare la possibilità di ristrutturare la propria casa se contiene amianto. Tuttavia, è bene non apportare alcuna modifica autonomamente e lasciare che la rimozione dell’amianto sia affidata a professionisti. Questi sanno come proteggersi e come smaltirlo correttamente. A seconda del Paese e del modo in cui è stato installato, si applicano costi diversi. In Europa, la media è di circa 35-40 euro al metro quadro, a cui si aggiungono i costi di trasporto, smaltimento, ecc. Più grande è l’area con amianto, più bassi sono i costi al metro quadro.

Gestione efficiente dei progetti di costruzione con PlanRadar

Lo smaltimento dell’amianto è un progetto edilizio essenziale che rende la propria casa più sicura e ne aumenta il valore. Per gestire progetti edilizi così importanti in modo efficiente ed economico, molti proprietari di case e appaltatori si affidano a software professionali come PlanRadar. Con PlanRadar è possibile monitorare l’avanzamento del progetto e avere tutti i dati rilevanti a portata di mano.