Negli ultimi 12 mesi, in numerosi Paesi europei i prezzi sono aumentati più rapidamente rispetto agli ultimi decenni. Le famiglie, così come l’economia, si trovano ad affrontare tassi d’inflazione enormi e devono trovare il modo di gestire la situazione. Di conseguenza, è aumentata la pressione sui politici del mondo occidentale affinché intervengano per modificare lo stato delle cose. Questo studio esaminerà il modo in cui le politiche dei diversi Paesi europei stanno affrontando il problema dell’aumento dell’inflazione e le conseguenze per le famiglie, l’economia e, soprattutto, il settore delle costruzioni.

Lo studio si basa su numerosi dati provenienti da fonti attendibili e accessibili al pubblico.

Quali sono le ragioni dell’aumento dei prezzi delle bollette?

Alcuni partiti politici e populisti considerano l’inflazione l’occasione perfetta per addossare la colpa del fenomeno ad altri partiti, a decisioni politiche o ad altri Paesi. In realtà, però, la situazione è più complessa. Non esiste un singolo fattore scatenante per la situazione attuale, bensì una serie di elementi diversi che innescano e provocano la crescita dell’inflazione. Tra i principali fattori che contribuiscono al fenomeno vi sono l’elevata quantità di denaro in circolazione a seguito dei pacchetti di aiuti Covid, l’interruzione delle catene di approvvigionamento e gli elevati prezzi dell’energia derivanti dalla guerra in Ucraina.

Confronto tra i Paesi europei e modalità di risposta delle politiche nazionali a questa crisi con misure fiscali

Di seguito esaminiamo e confrontiamo il modo in cui i governi dei diversi Paesi europei stanno rispondendo all’aumento del costo delle bollette.

Germania

Il settembre scorso l’inflazione in Germania è salita al 10,0%. Ciò significa che il valore dell’inflazione è aumentato dello 0,6% in più rispetto alle previsioni ed è il più alto dal 1951. Per alleggerire la pressione sui consumatori, la Germania ha introdotto misure uniche come il biglietto da 9 euro e la riduzione del prezzo del carburante, che avrebbero dovuto ridurre i prezzi dei trasporti per i tedeschi. Tuttavia, queste misure sono terminate e i politici tedeschi stanno cercando di trovare nuove soluzioni. L’idea di far funzionare temporaneamente le centrali nucleari un po’ più a lungo del previsto trova il favore della sinistra e della destra. Persino il Partito Verde, nato dal movimento antinucleare, è diventato un partito di governo ed è favorevole al prolungamento del funzionamento delle centrali nucleari. L’ultimo intervento del Ministero dell’Economia tedesco prevede un sostegno agli utenti per alleggerire le spese per il gas. Si tratta di un sussidio di emergenza che dovrebbe ridurre le spese per i consumi di gas fino a 200 miliardi di euro a partire dalla prossima primavera.

Austria

Con un’inflazione dei prezzi al consumo del 10,5%, l’inflazione nella Repubblica Federale d’Austria è persino leggermente superiore a quella della Germania. I politici austriaci hanno deciso di agire attivamente contro l’inflazione dilagante nel Paese. A giugno, il Paese ha annunciato l’intenzione di abolire la progressione a freddo. Markus Brunner del Ministero delle Finanze ha dichiarato che l’abolizione della progressione a freddo è una soluzione per alleggerire la popolazione da un’inflazione che rimarrà alta per molto tempo. Inoltre, i datori di lavoro hanno la possibilità di trasferire ai dipendenti un bonus per il costo della vita esente da imposte fino a 3.000 euro fino alla fine dell’anno.

Svizzera

La Svizzera non fa parte né dell’Unione Monetaria Europea né dell’Unione Europea. Rispetto ai Paesi vicini, la Svizzera è stata risparmiata dall’impennata dell’inflazione. Tuttavia, con un tasso di inflazione del 3,3%, la Banca Nazionale Svizzera ha mancato dell’1,3% l’obiettivo del 2%. Come misura contro l’inflazione, la Banca Nazionale Svizzera ha aumentato a più riprese i tassi di interesse di riferimento. Questo dato è particolarmente sorprendente, in quanto la Banca Nazionale Svizzera è sempre stata riluttante ad aumentare i tassi d’interesse. Tuttavia, per il momento non sono previsti ulteriori benefici per i consumatori in termini di riduzione dei costi di trasporto, di energia più economica o di sgravi fiscali in Svizzera. Le uniche misure di rilievo sono l’adeguamento al costo della vita per le assicurazioni per le persone anziane e per le persone a carico e la decisione di aumentare le riduzioni delle tariffe assicurative per consentire alle persone a basso reddito di beneficiare di tariffe sanitarie più basse.

Francia

In Francia, l’inflazione è aumentata in misura minore rispetto a Germania e Austria. Tuttavia, con un tasso del 5,6% a dicembre rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, l’inflazione francese è superiore all’obiettivo del 2% recentemente fissato dal governo. Ciononostante, la Francia è al secondo posto tra i Paesi del G7 con l’inflazione più bassa, dopo il Giappone. Il presidente francese si è inoltre pubblicamente opposto alla politica di Christine Lagarde, presidente dell’autorità monetaria dell’Unione Europea, dopo l’ultimo aumento dei tassi di interesse della Banca Centrale Europea di 0,75 punti percentuali. Tuttavia, anche le politiche di Macron subiscono pressioni. Nelle proteste, i dipendenti e i sindacati, che in Francia sono molto forti, chiedono aumenti salariali e tagli alle tasse.

Italia

L’inflazione italiana si è attestata al 8,9% su base annua nel settembre 2022, secondo gli ultimi dati. Il Paese ha un forte debito pubblico ed è quindi considerato particolarmente esposto ai rialzi dei tassi d’interesse della BCE. Non sorprende quindi che la neoeletta presidente del governo, Giorgia Meloni, abbia messo in discussione la politica della BCE proprio all’inizio del suo mandato, dopo l’ultima crisi di governo. Giorgia Meloni sottolinea il pericolo di una recessione imminente. Già nella primavera del 2022, il precedente governo guidato da Mario Draghi aveva approvato un pacchetto di misure da un miliardo di euro per alleggerire la pressione su famiglie e imprese.

Regno Unito

Come l’Italia, anche il Regno Unito ha attraversato una crisi di governo durante il periodo di alta inflazione. Dopo le dimissioni di Boris Johnson, la nuova premier Liz Truss si è posta l’obiettivo di contrastare l’inflazione intorno al 10%. Con il contestatissimo pacchetto di sgravi fiscali, Liz Truss ha perso il sostegno dei suoi stessi sostenitori poco dopo il suo insediamento. Le dimissioni del ministro delle Finanze Kwasi Kwarteng hanno decretato la fine del suo mandato, confermata il 20 ottobre, dopo soli 44 giorni di mandato. Il nuovo primo ministro britannico Rishi Sunak ha annunciato il 17 novembre 2022 che presenterà un nuovo piano fiscale.

Spagna

L’inflazione a 12 mesi in Spagna è scesa leggermente a settembre, attestandosi all’8,9%. Come in Italia e in Francia, anche in Spagna si sono levate voci di critica alla posizione della BCE. Anche la Spagna è fortemente indebitata e la restituzione del debito è resa più difficile dagli alti tassi di interesse. Al contrario di Francia e Italia, in Spagna è piuttosto l’opposizione a lamentarsi della BCE. Il governo spagnolo, invece, è più o meno in linea con la politica della BCE. Per ridurre le conseguenze dell’inflazione sulla popolazione, il governo ha annunciato l’introduzione di un’imposta più elevata per i grandi patrimoni, che andrebbe a beneficio della parte più svantaggiata della popolazione.

Polonia

L’inflazione in Polonia ha superato il 17% e la situazione non accenna a migliorare. Il governo polacco guidato da Andrzej Duda ha risposto a questa situazione all’inizio dell’anno con uno scudo fiscale contro l’inflazione. Purtroppo, non ha ancora sortito l’effetto desiderato e l’economia polacca è in fase di stallo. La Polonia, Stato membro dell’UE, non fa parte dell’area valutaria europea e ha la propria moneta, lo zloty. A causa delle già gravi difficoltà economiche, la banca centrale polacca si rifiuta di aumentare i tassi di interesse. Tuttavia, poiché in Polonia non esiste praticamente alcun tasso di interesse fisso per la concessione di prestiti, i prestiti privati e alle imprese sono diventati enormemente più costosi, il che frena il desiderio di investire nel Paese.

Ungheria

In Ungheria, l’inflazione ha superato il 15,6% a settembre, rispetto al settembre 2021. L’Ungheria, che come la Polonia non ha adottato l’euro, ha deciso di aumentare ulteriormente i tassi di interesse. L’aumento del tasso di riferimento è stato pari all’ 1,25%. L’Ungheria è stata uno dei primi Paesi a introdurre misure contro l’inflazione, fissando un tetto massimo di 480 fiorini ungheresi per litro di benzina al distributore già nel novembre dello scorso anno. A ottobre di quest’anno, il governo del presidente Orbán ha annunciato che avrebbe prorogato di tre mesi, fino alla fine dell’anno, il tetto al prezzo del carburante e dei generi alimentari di base, per tutelare le famiglie dall’aumento dei costi.

Romania

Anche in Romania l’inflazione ha superato la soglia del 15,9%. Le ultime statistiche pubblicate sull’inflazione si riferiscono a settembre 2022 e suggeriscono una svalutazione del lei rumeno del 15,1%. Già nella primavera di quest’anno, il governo rumeno ha deciso di regolamentare i prezzi e di fissare un tetto al prezzo del gas. Inoltre, una nuova legge fiscale consentirà ai datori di lavoro rumeni di pagare ai propri dipendenti prestazioni non imponibili fino a un totale del 33% del loro salario a partire dal 1° gennaio 2023, aumentando così il salario lordo dei lavoratori.

Irlanda

L’Irlanda è un altro Paese dell’UE che registra un’inflazione elevata. A settembre, tuttavia, il tasso di inflazione è sceso dal 9% di agosto all’8,6%. Ciò significa che l’Irlanda è ora di nuovo un punto percentuale al di sotto del valore massimo annuale del 9,6%. I politici sperano che l’inflazione continui a diminuire. Tra maggio e ottobre di quest’anno, l’Irlanda ha ridotto l’IVA sulle bollette di gas ed elettricità. Più recentemente, alla fine di ottobre, il governo irlandese ha stabilito un tetto al costo di vendita all’ingrosso del gas per ridurre i prezzi dell’energia. Alla conferenza della BCE tenutasi a Cipro il 18 ottobre, l’Irlanda ha tuttavia messo in guardia sull’intensificarsi dell’inflazione in tutta Europa.

Confronto dell’inflazione tra i Paesi europei

Di seguito è riportata una tabella con i tassi di inflazione aggiornati dei Paesi presi in esame:

Paese Inflazione su 12 mesi
Germania 10,0
Austria 10,5
Svizzera 3,3
Francia 5,6
Italia 8,9
Regno Unito 10,1
Spagna 8,9
Poland 17,2
Ungheria 15,6
Romania 15,9
Irlanda 8,6

Come influisce questo incremento sul settore edile e immobiliare?

Le reazioni dei vari Stati europei all’aumento dei prezzi sono state diverse. Ma la linea generale rimane quella dell’aumento dei tassi d’interesse. Fatta eccezione per la Polonia, quasi certamente assisteremo a ulteriori aumenti dei tassi d’interesse se non si riuscirà a riportare l’inflazione sotto controllo.

Per i settori edile e immobiliare, la situazione attuale è particolarmente difficile. Le materie prime sono più costose e difficili da reperire, i costi dell’energia sono aumentati, i prestiti sono sempre più costosi e la domanda è in calo. L’economia è costretta a cercare modi innovativi per ridurre i costi. Questo vale soprattutto per il settore edile e immobiliare.

Sfide e previsioni per il settore delle costruzioni nel 2023

Quali sono le principali sfide e cosa possiamo fare per affrontarle?

Suggerimenti per il risparmio energetico ed economico delle aziende

Diversi fattori influenzano il settore edilizio e immobiliare in questo momento. Attualmente è fondamentale cercare un modo per ridurre i costi.

Risparmio dei costi di energia

I costi dell’energia sono attualmente uno dei principali fattori di costo nei cantieri. Tuttavia, i costi elevati comportano anche alcuni vantaggi. Questo è un ottimo momento per investire su macchinari e veicoli nuovi e a basso consumo energetico. Con i costi energetici elevati, tali investimenti sono più convenienti e vengono ammortizzati più rapidamente.

Ricerca di fornitori affidabili

In settori come quello edile o immobiliare, è consigliabile instaurare collaborazioni a lungo termine. Tuttavia, con l’alto costo dei materiali, al momento può essere conveniente cercare altri fornitori. Inoltre, alcune aziende si riforniscono di grandi quantità per difendersi da ulteriori aumenti di prezzo.

Lavoro più efficiente

Per risparmiare lavoro, tempo e denaro, vale la pena investire in tecnologie digitali che semplificano i processi di lavoro e migliorano l’efficienza. Una di queste è il software professionale per il settore delle costruzioni, PlanRadar, che consente di gestire i processi di lavoro e di migliorare l’efficienza. Con PlanRadar è possibile gestire il cantiere o l’immobile in tutte le sue fasi e garantire un processo regolare ed efficiente in termini di costi.

Riepilogo

La situazione attuale è gravosa per le famiglie e per l’economia. Con il rapido aumento dei costi dell’energia, il costo della vita è sempre più alto e l’inflazione, già elevata, viene ulteriormente alimentata. I politici europei hanno preso atto del problema e stanno cercando di contrastarne gli effetti. Poiché le banche centrali non hanno alcuna influenza sull’offerta, stanno cercando di ridurre il flusso di denaro aumentando i tassi di interesse. Molti Paesi come la Germania, l’Ungheria o l’Irlanda stanno inoltre cercando di salvaguardare la popolazione e l’economia con misure più ampie.

Ciononostante, gli effetti sono devastanti e i settori edile e immobiliare in Europa non fanno eccezione. Le aziende lottano contro i costi elevati che riducono la domanda. La soluzione più promettente per le imprese edili e immobiliari è quella di cercare di ridurre i costi e lavorare in modo più efficiente.