L’economia mondiale ha subito uno stravolgimento a partire dall’inizio del 2020. Le economie europee non sono state da meno. Il crollo delle vendite durante i lockdown e i blocchi dovuti al Coronavirus è stato il fattore scatenante, e la guerra in Ucraina ha peggiorato ulteriormente le cose. Il settore delle costruzioni, particolarmente colpito dall’inflazione, dall’aumento dei costi energetici e dalle interruzioni della catena di distribuzione, ha registrato un rallentamento in molti Paesi europei. Si prevede che il rallentamento del settore delle costruzioni sarà in parte compensato dagli incentivi fiscali.

A causa dell’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime, delle interruzioni delle forniture e del calo di fiducia degli investitori dovuto alla guerra in Ucraina, dopo la pandemia che ha colpito il continente europeo è stato introdotto un fondo di ripresa da 750 miliardi di euro. Annunciato nel 2020 come parte di un più ampio piano di ripresa del NextGenerationEU. L’obiettivo principale del piano è sostenere la ripresa economica post pandemica degli Stati membri dell’UE, promuovendo al contempo la transizione verde e digitale tra il 2021 e il 2026. Il RRF prevede sovvenzioni e prestiti fino al 6,8% del PIL annuale su richiesta dei singoli Stati membri.

I Paesi europei che ricevono i fondi UE devono presentare un piano su come verranno utilizzati. Nel seguente articolo, esaminiamo i progetti dei diversi Paesi, tra cui il PNRR in Italia, e analizziamo come gli Stati membri hanno deciso di utilizzare il budget.

Che cos’è il RRF?

RRF è l’acronimo di Recovery and Resilience Facility. È il nucleo del fondo di ripresa dell’UE NextGenerationEU, annunciato nel 2020. In totale, NextGenerationEU ha un valore di 750 miliardi di euro, ripartiti tra i vari Stati membri dell’UE. L’obiettivo è ridurre l’impatto della pandemia e facilitare la transizione verso un’economia resiliente, sostenibile, verde e digitale. Il pacchetto è finanziato da un debito congiunto degli Stati membri, un risultato mai raggiunto prima nell’Unione Europea.

Con la guerra in Ucraina, gli obiettivi dell’RRF sono cambiati per alcuni Paesi. Molti governi europei sono molto preoccupati per l’aumento dei prezzi del petrolio e del gas e per la minaccia di carenza energetica. Il denaro originariamente previsto per combattere le conseguenze del Covid può quindi essere utilizzato in misura maggiore per sviluppare il più rapidamente possibile fonti energetiche alternative e per mitigare le conseguenze economiche della guerra.

Che cos’è esattamente NextGenerationEU e lo strumento di base, il Recovery and Resilience Facility? Il RRF, o NextGenerationEU, è un ambizioso progetto dell’UE con molteplici obiettivi per un’Europa forte e sostenibile. La Commissione europea descrive NextGenerationEU come segue: “NextGenerationEU è più di un piano di ripresa. È un’opportunità unica per uscire più forti dalla pandemia, per riequilibrare la nostra economia e per creare opportunità e posti di lavoro per un’Europa in cui saremo felici di vivere negli anni a venire”. La Presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha addirittura definito il fondo di ricostruzione “l’occasione del secolo per l’Europa”.

Come verranno utilizzati i fondi?

Il denaro versato ai diversi Stati membri è vincolato. Per beneficiare del fondo, gli Stati membri dell’UE hanno dovuto presentare un piano che illustrasse come sarebbero stati utilizzati i fondi. La Commissione europea ha esaminato e valutato questi piani prima di procedere all’erogazione graduale. La valutazione della Commissione europea si basa su undici criteri. Nove delle 11 categorie sono valutate su una scala a tre punti, con una valutazione A che indica che i criteri sono per lo più soddisfatti, una valutazione B che indica un soddisfacimento moderato o modesto e una valutazione C che indica che i criteri non sono pienamente soddisfatti.

Dei 16 programmi che hanno ottenuto la valutazione migliore, 15 hanno ricevuto un punteggio identico (10 voti A e 1 B), mentre il Belgio ha ricevuto 9 voti A e 2 B. Il Comitato ha quindi valutato questi programmi in modo molto positivo. Tutti i 16 Paesi europei hanno ricevuto una valutazione B per la parità dei costi. Secondo la Commissione, questo significa che le motivazioni fornite dagli Stati membri per la stima dei costi totali dei programmi di ripresa e risanamento sono ragionevoli e credibili e coerenti con i principi del rapporto costi-benefici e dell’impatto economico e sociale previsto.

Piani nazionali

I fondi assegnati al RRF vengono utilizzati dai vari Stati membri nell’ambito dei rispettivi programmi nazionali. Questi programmi dovevano soddisfare i requisiti della Commissione UE, ma per il resto i Paesi sono liberi di utilizzare i fondi come desiderano. Qui di seguito vediamo come i singoli Stati membri dell’UE hanno scelto di utilizzare i fondi, in particolare nei settori delle costruzioni e dell’energia verde.

Germania

Piano per l’utilizzo dei fondi: Deutscher Aufbauplan
Importo dei fondi assegnati: 28 miliardi di euro

Inizialmente, alla Germania erano stati assegnati fondi per 25,6 miliardi di euro. Con la nuova distribuzione, la Germania può ora richiedere fondi per un totale di 28 miliardi di euro. L’aumento di 2,4 miliardi di euro è quasi irrilevante rispetto ai fondi assegnati agli altri Paesi. Più della metà dei 28 miliardi di euro, pari al 52%, sarà destinata all’attuazione degli obiettivi di digitalizzazione. Il 42% dei fondi sarà utilizzato per attuare gli obiettivi climatici e il 6% sarà destinato al rafforzamento della resilienza economica e sociale. Gli obiettivi che riguardano il settore delle costruzioni riguardano la promozione di fonti energetiche verdi e la modernizzazione degli ospedali.

Austria

Piano per l’utilizzo dei fondi: Österreichischen Aufbau- und Resilienzplan
Importo dei fondi assegnati: 3,5 miliardi di euro

Il piano dell’Austria per l’utilizzo dei fondi UE è stato approvato e la prima erogazione è avvenuta il 28 giugno 2021. Con circa 3,5 miliardi di euro, l’Austria riceve l’importo più basso tra i Paesi che abbiamo esaminato. Il 59% dei fondi è destinato agli obiettivi di sostenibilità. Gli aspetti più interessanti per il settore delle costruzioni riguardano l’efficienza energetica degli edifici residenziali e la mobilità ecocompatibile.

Francia

Piano per l’utilizzo dei fondi: Plan national de relance et de résilience
Importo dei fondi assegnati: 39,4 miliardi di euro

La Francia, con 39,4 miliardi di euro, riceve il terzo importo più alto tra tutti i 16 Stati membri. La Francia ha stabilito come verranno utilizzati i fondi nel Plan national de relance et de résilience che comprende 20 riforme e 71 investimenti. Il 46% dei fondi è destinato agli obiettivi ambientali, il 21% alla digitalizzazione e il resto alla resilienza economica e sociale. Di interesse per il settore delle costruzioni e immobiliare è il fatto che quasi 6 miliardi di euro sono destinati alla ristrutturazione degli edifici, di cui 1,4 miliardi al progetto Ma Prime Renov, che punta alla riqualificazione termica di 400.000 abitazioni nel Paese.

Italia e PNRR

Piano per l’utilizzo dei fondi: Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)
Importo dei fondi assegnati: 191,5 miliardi di euro

L’Italia ha ricevuto la somma più alta, che inizialmente era di 81,8 miliardi di euro. Il vecchio governo Draghi è riuscito quasi a raddoppiare l’importo, arrivando a 191,5 miliardi di euro. Il 37,7% dei fondi sarà destinato a progetti ambientali e il 25,1% alla trasformazione digitale. Un progetto interessante per il settore delle costruzioni è l’Ecobonus, che ha lo scopo di aumentare l’efficienza energetica degli edifici residenziali attraverso la creazione di incentivi fiscali.

Spagna

Piano per l’utilizzo dei fondi: Plan de Recuperación, Transformación y Resiliencia
Importo dei fondi assegnati: 69,5 miliardi di euro

Come l’Italia, anche la Spagna è stata duramente colpita dalla crisi di Covid. Di conseguenza, l’economia spagnola riceve il sostegno di NextGenerationEU con quasi 70 miliardi di euro. Il Plan de Recuperación, Transformación y Resiliencia spagnolo è composto da 112 investimenti e 102 riforme. Il 40% dei fondi è destinato alla tutela climatica e il 28% alla trasformazione digitale. Il settore delle costruzioni è interessato da progetti come la ristrutturazione di mezzo milione di case.

Polonia

Piano per l’utilizzo dei fondi: Krajowy Plan Odbudowy
Importo dei fondi assegnati: 35,4 miliardi di euro

La Polonia è uno degli Stati membri che riceve più fondi da NextGenerationEU. Con circa 35,4 miliardi di euro, il Paese si trova al quarto posto. Spenderà il 42,7% dei fondi per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità e il 21,3% per la trasformazione digitale dell’economia. Tra le altre cose, il Paese mira a costruire scuole moderne e a rinnovare la rete elettrica.

Romania

Piano per l’utilizzo dei fondi: Planul Național de Redresare și Reziliență
Importo dei fondi assegnati: 29,18 miliardi di euro

La Romania riceverà un totale di circa 29,18 miliardi di euro. In rapporto alla sua popolazione, si tratta di una cifra enorme. Il 41% dei fondi sarà destinato a progetti e investimenti nell’ambito degli obiettivi di sostenibilità, mentre il 20,5% è destinato alla trasformazione digitale. Con il Renovation Wave Fund, la Romania spenderà 2,7 miliardi di euro per la ristrutturazione di edifici privati e pubblici.

Ungheria

Piano per l’utilizzo dei fondi: Magyarország Helyreállítási és Alkalmazkodási Terve
Importo dei fondi assegnati: 5,7 miliardi di euro

Stando ai suoi piani, l’Ungheria potrebbe richiedere 5,7 miliardi di euro di aiuti all’RRF dell’Unione Europea. Tuttavia, l’erogazione del denaro è stata ritardata. Per diversi anni, l’Unione Europea ha nutrito dubbi sulla tenuta della democrazia e dello Stato di diritto del governo di Orban . L’Ungheria ha quindi dovuto impegnarsi a raggiungere numerosi obiettivi per combattere la corruzione e garantire l’indipendenza della magistratura. Tuttavia, alla fine di novembre 2022, l’Unione Europea ha proposto di congelare i fondi fino a quando non saranno visibili gli effetti positivi delle misure adottate dall’Ungheria.

Repubblica Ceca

Piano per l’utilizzo dei fondi: Národní plán obnov
Importo dei fondi assegnati: 5,7 miliardi di euro

Nell’ambito dell’RRF, la Repubblica Ceca può richiedere un totale di 7 miliardi di euro. Di questi, il 42% sarà utilizzato per raggiungere obiettivi ambientali. Il 22% dei fondi sarà destinato a riforme e investimenti nel settore della trasformazione digitale. Un progetto mediante il quale la Repubblica Ceca intende ridurre le emissioni di gas serra è la ristrutturazione degli edifici. Entro il 2026, la Repubblica Ceca prevede di investire circa 1,4 miliardi di euro dei 7 miliardi per la ristrutturazione di edifici pubblici e privati.

Le Case del Futuro

Scarica qui la ricerca completa.

Somiglianze e differenze

Osservando i piani dei vari Paesi membri, si notano subito alcune somiglianze e alcune differenze. Ciò è dovuto al fatto che, sebbene ci fossero degli obiettivi da raggiungere, i governi dei singoli Paesi erano liberi di decidere quali misure utilizzare per raggiungere gli obiettivi formulati. Di seguito, esaminiamo le differenze e i punti in comune dei singoli piani nazionali.

Somiglianze

Un punto che accomuna tutti i piani è la classificazione in tre punti: sostenibilità, digitalizzazione e resilienza economica. Questa suddivisione è stata stabilita dalla Commissione europea. Per la maggior parte degli Stati membri, circa il 40-60% è dedicato al raggiungimento degli obiettivi ambientali e il 20-40% alla trasformazione digitale. I piani sono stati approvati per tutti i Paesi esaminati che hanno ottenuto un punteggio B. Ad eccezione di Spagna, Italia, Ungheria e Romania, tutti i Paesi esaminati hanno ricevuto la prima tranche di pagamento il 28 giugno dello scorso anno.

Differenze

Sebbene i singoli piani siano sostanzialmente simili, vi sono anche differenze significative. Una delle differenze più rilevanti è l’ammontare dei fondi erogati. È sorprendente come alcuni Stati membri ricevano una somma maggiore rispetto ad altri Stati. Dato il debito collettivo, questo ha portato a tensioni politiche in alcuni Paesi. Anche l’utilizzo, suddiviso in investimenti e riforme, varia molto da Paese a Paese. Alcuni progetti hanno sollevato forti discussioni. Soprattutto in Italia, il Paese che riceve più fondi dall’UE, si sono verificate ripetute difficoltà. Ad esempio, le autorità dell’Italia meridionale non hanno presentato le domande in tempo. Ha destato scalpore anche un concorso che prevedeva l’assegnazione di 20 milioni di euro a un comune abitato da 142 persone.

Quali sono i benefici?

Inoltre, l’impatto macroeconomico positivo nei Paesi a basso reddito può accelerare la crescita economica e favorire l’occupazione, aumentando la domanda complessiva. Oltre alle sovvenzioni fiscali dirette, l’accesso ai prestiti dell’RRF può stimolare gli investimenti compensando l’impatto dell’aumento dello spread dei titoli sovrani dell’UE e consente ai Paesi con alti oneri di prestito di accedere a tassi di interesse più bassi attraverso il prestito sicuro di NextGenerationEU del Comitato europeo. Tutto questo può potenzialmente aumentare gli investimenti nell’Europa meridionale e orientale e far sì che diminuisca il rischio legato all’aumento dei costi dei prestiti, che si è manifestato nell’ultimo decennio dopo la crisi dell’Eurozona.

L’RRF aiuta l’UE a raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050 e mette l’Europa sulla strada della trasformazione digitale, della creazione di posti di lavoro e della crescita. “Una doppia svolta: la neutralità climatica e la svolta digitale”. Questo supera gli obiettivi concordati del 37% per la spesa climatica e del 20% per la spesa digitale. Uno sforzo congiunto e coordinato a livello europeo è più efficace e vantaggioso per gli Stati membri rispetto agli investimenti nazionali, soprattutto perché le implicazioni internazionali sono significative.

Come viene influenzato il settore edile dall’RRF?

Per il settore delle costruzioni in Europa, l’RRF di NextGenerationEU è una sfida cruciale. Durante la pandemia, il settore delle costruzioni di molti Paesi europei è entrato in crisi. La guerra in Ucraina, i costi elevati dell’energia e l’interruzione delle catene di approvvigionamento hanno ulteriormente aggravato la situazione.

Con l’RRF, il capitale necessario sta affluendo verso le economie dell’Unione europea. Il settore delle costruzioni ne beneficerà in misura maggiore. La gran parte dei 750 miliardi di euro sarà destinata agli obiettivi di sostenibilità. Qui il settore delle costruzioni è fortemente rappresentato e ne beneficerà. Nei prossimi anni verranno investiti miliardi per ristrutturare le case e costruire infrastrutture per l’energia verde e il trasporto sostenibile. Questo vale per tutti gli Stati membri e porterà a molti nuovi contratti in tutta Europa. È quindi essenziale che il settore delle costruzioni non si lasci sfuggire questa occasione e si impegni a raggiungere gli obiettivi di sostenibilità.

Fondi del Recovery and Resilience Facility per l’edilizia: Conclusioni

Il Recovery and Resilience Facility di NextGenerationEU è un progetto unico e senza precedenti dell’Unione Europea. Per la prima volta, infatti, è stato creato un fondo di debito comune per tutti gli Stati membri. Questo fondo è destinato a sostenere l’Unione Europea e gli Stati membri insieme. L’impatto negativo della pandemia andrebbe considerato come un’opportunità per rilanciare e trasformare l’economia in modo da essere sostenibile, digitale e resiliente. Grazie all’approccio comune e paneuropeo, l’RRF distribuirà circa 750 miliardi di euro, che verranno destinati a investimenti e riforme nei diversi Stati membri dell’UE.

Gli obiettivi di sostenibilità, trasformazione digitale e resilienza economica sono stati fissati dall’UE. Tuttavia, i progetti con cui raggiungere questi obiettivi sono stati stabiliti dai governi dei singoli Paesi. Sulla base dei piani nazionali, gli Stati membri hanno dovuto proporre gli investimenti e le riforme e presentarli alla Commissione UE. I piani sono stati valutati e approvati dalla Commissione. Successivamente, la maggior parte degli Stati membri ha ricevuto il primo pagamento il 28 giugno 2021. L’Italia, con il suo programma PNRR, è il Paese che riceverà la cifra maggiore, seguita da Spagna, Francia e Polonia. In confronto, la regione DACH riceverà pochissimo denaro. La Germania riceverà 28 miliardi di euro e l’Austria 3,5 miliardi di euro.

Gestione efficace dei progetti di costruzione con PlanRadar

Il settore delle costruzioni è essenziale per l’attuazione di molte riforme e investimenti decisi nei piani nazionali per l’RRF. È quindi indispensabile che le imprese di costruzione siano competitive e capaci di lavorare con rapidità. In questo modo è possibile offrire prezzi equi e aggiudicarsi appalti pubblici e privati.

Per operare in modo efficiente e redditizio a lungo termine, è particolarmente indicato un software intelligente per l’edilizia. È il caso di PlanRadar. Con PlanRadar, appaltatori, proprietari e gestori di immobili hanno sempre una visione d’insieme dei progetti di costruzione o degli immobili. Difetti, riparazioni e locazioni possono essere pianificati automaticamente con la massima efficienza grazie alla tecnologia digitale intelligente. PlanRadar assicura inoltre una comunicazione fluida tra le parti interessate, consente la gestione dei documenti su un cloud sicuro e decentralizzato e garantisce che tutte le informazioni siano disponibili laddove necessario. Scopri subito PlanRadar e provalo gratuitamente per 30 giorni.